I vini Super Tuscans

I vini Super Tuscans

I grandi vini della Toscana

14 aprile 2016 / Le ricette vegetariane vegane e crudiste di Elisa

I Super Tuscans vini d’autore

 

IGT sta per  (Indicazione Geografica Tipica = tipico vino regionale) i vini sono, se di una certa qualità, chiamati anche Super Tuscans.

I vini  IGT possono variare incredibilmente nel prezzo - da un paio di euro a centinaia di euro. Un vino IGT Toscano garantisce che un minimo del 85% delle uve utilizzate per il vino sono cresciuti nella regione (si tratta di una assicurazione che non abbiamo se beviamo un "vino da tavola", che teoricamente potrebbe provenire da qualsiasi parte del il mondo). Tuttavia, gran parte del vino IGT è prodotto con uve provenienti da vigneti di proprietà dei produttori di vino, soprattutto quando si parla dei Super Tuscans che sono vini di alta qualità. Il vitigno, la vinificazione, l'invecchiamento e la miscela finale sono tutti fino alla creatività del produttore di vino.

 

Super Tuscan: Molti dei vini importanti e famosi della Toscana sono in realtà vini  IGT. I vini più costosi fin dagli anni '70 sono stati chiamati Super Tuscans.

Questo nome è stato inventato da Robert Parker che ha trovato notevole interesse per questi vini e li ha aiutati a diventare famosi nel mondo.

 

I vini IGT devono avere sull’etichetta  l'indicazione della denominazione, il nome che può essere di fantasia ,l’ annata, e il nome dell’ imbottigliatore .

 

I vini con l’ndicazione  Doc e Docg  devono seguire una certa ricetta ,abbiamo così un'idea della composizione del vino.

Questo non accade  per i vini IGT. La miscela può essere praticamente qualsiasi cosa e non deve essere indicata sull'etichetta. Un Super Tuscan è l'espressione finale di qualità e abilità di vinificazione di un produttore di vino e del suo enologo. Il vino può essere fatto con qualsiasi varietà di uve, sia misti o puri, essi  sono maturati in barrique di rovere e hanno una buona longevità.

 

Valore: un Super Tuscan è spesso un vino prezioso che a volte è difficili da trovare al di fuori l'ultima annata .

Per questo motivo il Super Tuscans (proprio come Brunello e Barolo) può diventare un buon investimento, in quanto il loro valore commerciale può raddoppiare o triplicare nel tempo.

 

 

Alcuni Top Super Tuscans:

 

(Nome del  produttore, anno della prima edizione, vitigni :)

 

  • Sassicaia della Tenuta San Guido (1968 - Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc)
  • Vigorello da San Felice (1968 - Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot)
  • Tignanello da Antinori (1971 - Sangiovese e Cabernet Sauvignon)
  • Le Pergole Torte da Montevertine (1977 - sangiovese)
  • Solaia Antinori (1978 - Cabernet Sauvignon, - franc e Sangiovese)
  • I Sodi di San Niccolò da Castellare di Castellina (1979 - Sangiovese e Malvasia Nera)
  • Heliathus​ Degli Aizzoni Avogadro  (2007 Sangiovese Merlot Syrah )
  • Ghiaie della Furba da Capezzana (1979 - Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah)
  • Romitorio da Ruffino (1990 - Colorino e Merlot)
  • N'Antia da Badia di Morrona (1991 - sangiovese, merlot e taxi sauv)
  • Frasca Varramista (2007 Sangiovese Merlot Syrah )
  • Lamaione di Frescobaldi (1991 - merlot)
  • Il Bosco da Tenimenti d'Alessandro (1992 - syrah)
  • Siepi dal Castello di Fonterutoli (1992 - merlot e sangiovese)
  • Il Carbonaione da Poggio Scalette (1992 - sangiovese)
  • Casalferro da Barone Ricasoli (1993 - sangiovese e merlot)
  • Luce di Frescobaldi (1993 - sangiovese e merlot)
  • Lupicaia dal Castello del Terriccio (1993 - Cabernet Sauvignon e Merlot)
  • Soloio da Casa Emma (1993 - merlot)
  • Messorio da Le Macchiole (1994 - merlot)
  • Piastraia da Michele Satta (1995 - Cabernet Sauvignon, Merlot, Sangiovese, Syrah)
  • Rosso di Sera da Poggiopiano (1995 - Sangiovese e Colorino)
  • Petra di Petra (1997 - Cabernet Sauvignon e Merlot)
  • Primamateria da Poggerino (1997 - sangiovese e merlot)
  • Montervo di Cima (1998 - merlot)
  • Oreno della Tenuta Sette Ponti (1999 - sangiovese, merlot, cab sauv)
  • Testamatta di Bibi Graetz (2000 - sangiovese, colorino, canaiolo, moscato nero e malvasia nera)
  • Magari da Angelo Gaja (2000 - Merlot, Cabernet Sauvignon e taxi franc)

 

 

Dopo la seconda guerra mondiale, il Chianti, era molto a buon mercato e quindi  conveniente, divenne noto ed era diffuso in tutto il mondo . Il Chianti non implicava snobismo o la ricchezza, era chiaramente facile da bere. Ma con gli anni e l’aumento delle vendite , il vino è diventato  sempre più deludente dal punto di vista qualitativo.

 Il problema in parte era dovuto  la formula del Chianti in sé, vigneti con scarse cloni di Sangiovese sono stati piantati in tutta la Toscana, a prescindere dalla posizione e dalla qualità del terreno sono stati sfruttati per rispondere alla forte domanda del Chianti che dagli anni '60 è stato venduto principalmente in fiaschi rivestiti di paglia l'aggiunta di uve bianche era nella  tradizione ed è stato permesso fino al 2006.

 

Bettino Ricasoli postulando che una piccola aggiunta di Malvasia Bianca sarebbe aumentare la vivacità del Chianti per  renderlo più bevibile per i  giovani ne fece un vino rosso sottile, acido e squilibrato.

Oltre alla diluizione del vino con uve bianche, Negli anni '70 un gruppo di produttori di mentalità innovativa e di qualità ha cominciato a prendere i primi passi verso la realizzazione di vini che sarebbero diventati l'opposto di questo " Chianti spaghetti ".

Questi ultimi sono stati sicuramente ispirati dal marchese Mario Incisa della Rocchetta proprietario della Tenuta San Guido a Bolgheri, una zona sulla costa della Toscana, che ha prodotto un vino artigianale che ha rotto ogni regola, il Sassicaia.

I vigneti sono stati piantati in quello che allora era considerata quasi la peggiore posizione possibile in Toscana I vitigni Cabernet Sauvignon sono stati importati direttamente da Bordeaux e il vino è stato affinato in barriques francesi. Ogni altro vino in Toscana era  stato invecchiato in grandi botti di rovere di Slovenia, o nel peggiore dei casi: in botti in legno di castagno.

I primi Sassicaia fatti nel 1940 erano peculiari, anche vini grossolani, ma le tecniche del marchese sono state notevolmente perfezionate dagli anni '60 e il vino si è rivelato impressionante.

Non era ancora molto conosciuto, dato che le quantità prodotte erano state minime, ma Piero Antinori che è stato legato alla Incisa della Rocchetta conosceva quel vino .

Piero Antinori era il proprietario di una vecchia cantina nel Chianti Classico. E così il Sassicaia è diventato il modello per Tignanello di Antinori, il primo del suo genere nel 1971. Il Tignanello non aveva alcuna aggiunta di uve bianche ed è basato quasi interamente sul Sangiovese ed è stato affinato in barriques (più tardi è stato aggiunto il Cabernet Sauvignon).

Altri produttori immediatamente seguirono  l'esempio rendendo vini costosi, talvolta, da Sangiovese mescolato con Cabernet Sauvignon, a volte con  entrambe le  uve altre volte con una sola . Questi vini hanno una sola cosa in comune: non possono essere definiti Chianti.

Agli occhi della legge, erano considerati semplici vini da tavola .

Non è stato così solo più tardi, quando è stato inventato il marchio  IGT che ha sancito il riconoscimento della qualità dei Super Tuscans 

Parlato