Piccola guida alla germogliazione

Piccola guida alla germogliazione

Guida per l'uso dei germogliatori domestici

13 gennaio 2017 / Le ricette vegetariane vegane e crudiste di Elisa

la germogliazione casalinga

I germogli sono semplicissimi  da coltivare e molto nutrienti . Si possono coltivare  su un terrazzo coperto un  davanzale di una finestra  o su qualsiasi piano disponibile in casa o in appartamento , Essenziale  stare  lontano da fonti di calore come termosifoni , stufe  e fornelli. I germogli richiedono poco spazio, e nessun prodotto additivoI Il coltivato può essere consumato  quattro o cinque giorni dopo la posa nel germogliatore.
Quando  i semi cominciano a germogliare, comincia ad aumentare anche il loro contenuto vitaminico e di sali minerali.
La coltivazione dei germogli può essere fatta in un germogliatore apposito, di solito in plastica o terracotta Il procedimento  è pressappoco lo stesso

Preparazione

procurarsi :
– Semi per germogliatore. Per le prime volte saranno ottimi di semi già pronti, si possono acquistare ovunque a modico prezzo

– Recipiente:

Il contenitore può essere qualsiasi purché non metallico può essere un barattolo  di vetro o di plastica, una ciotola di vetro o di ceramica o un piatto fondo andranno benissimo. Quale che sia il contenitore ,occorre verificare che esso sia abbastanza grande da consentire  ai semi di essere sempre  in presenza di acqua .
il recipiente deve essere coperto con un tappo  che permetta lo scolo. Occorrerà inoltre una retina di plastica o un pezzo di tela a trama fitta.
I semi vanno sciacquati due volte al giorno, mattina e sera.

 

La  germogliazione:

 

PRIMO GIORNO :
Coprire con acqua tiepida  i semi o i fagioli per un’altezza di circa cinque centimetri. Lasciate a bagno i semi per almeno 8-10 ore.
Dopo 8-10 ore i semi inizieranno a gonfiare  e la pellicina comincia a spaccarsi. Sono pronti per germogliare.
 

SECONDO GIORNO:
Scoperchiare e scolate l’acqua dal recipiente

Da notare  che questa acqua è ricca di vitamine e sali minerali, può essere usata  per innaffiare le piante o usata per allungare i centrifugati o delle spremute.
Versare nuova acqua sui germogli, in questo caso facendola passare dalle retine o tela  superiori del recipiente, lentamente, in modo che i semi o i fagioli siano irrorati uniformemente scuoterlo leggermente avanti e indietro alcune volte perché le radici dei germogli non si incastrino nelle griglie.

Nel pomeriggio  ripetete l’operazione in modo da sciacquare bene i semi due volte al giorno.
 

TERZO GIORNO:
I semi iniziano  già a germogliare  . ripetere il risciacquo  mattina e sera come sopra.

QUARTO/QUINTO GIORNO:
I germogli sono pronti. La maggior parte di loro possono essere  si mangiati  crudi in insalata, o in  qualunque altro modo. I germogli di fagiolo invece è possono essere cotti  a vapore per 10-15 minuti, o rosolati nell’ olio con aglio e sale. I germogli di grano e di orzo, sono molto dolci e costituiscono un buon ingrediente per panini e focacce dolci. I germogli di senape e fieno greco sono invece , essendo piccanti,  piccanti  si abbinano   con insalate e bruschette.

 

Conservazione
La conservazione deve essere fatta in frigorifero e non nel germogliatore I germogli si conservano in frigo per 4-5 giorni.
Non si possono congelare.

 

Parlato