Offerte speciali

Selezione di prodotti Toscani


il Natale è senza dubbio la ricorrenza più dedicata  ai doni da fare e ricevere. La tradizione dei regali sotto l’albero, da scartare in famiglia o scambiarsi con i parenti e gli amici è un bisogno  condiviso. Le origini di questa usanza che non conosce  crisi, occorre riferirsi al primo Santa Claus realmente esistito, occorre tornare alla fine dell’impero romano. A quel tempo Nicola, vescovo di Myra, faceva  regali a sorpresa ai poveri. Tutte le versioni del papà Natale moderno derivano da lui. Non dimentichiamo poi che il rituale dei regali è collegato anche ai doni che i re magi portarono a Gesù bambino nella grotta di Betlemme. Il Babbo Natale  moderno è anche la figura del portatore di doni, di ispirazione religiosa o popolare, incarnata da un personaggio britannico che rappresentava lo spirito della bontà del Natale, che si trova nel “Canto di Natale” di Charles Dickens sotto il nome di Spirito del Natale. In alcune zone della Sicilia, i regali provenivano dai morti, i primi giorni di Novembre. La  figura paffuta e felice  di Babbo Natale che scende dalla canna fumaria per svuotare il suo enorme sacco sotto gli alberi di tutto il mondo, preparati dai  bambini pronti ad essere premiati  in base alla loro condotta

 Nel  XIX secolo, il termine “strenne” che rimandava alla tradizione romana in ricordo della dea Strenia , era onnipresente, convivendo con l’espressione  “regali di Natale” prima che quest'ultima prendesse il sopravvento nel corso del ‘900. Le strenne avevano “una particolarità poco comune nel mondo degli oggetti: cadevano dal cielo! E quest’origine ultraterrena  è importante. Rinvia alla leggenda nella quale, i bambini erano protagonisti di eventi meravigliosi  come raccontano le storie popolari.

Il passaggio dalle strenne ai regali di Natale si è basato su un altro fenomeno sociale concomitante, il progresso della laicità , che ha fatto del Natale uno dei grandi raduni annuali della famiglia, trasformando progressivamente la festa religiosa in una celebrazione mondana.

Conseguentemente , la storia delle strenne diventa quella di una pratica commerciale, che non perde tuttavia la sua qualità di festa universale per grandi e piccini accomunati nell’attesa della sorpresa del regalo.

Un tempo le strenne avevano  i loro strumenti per imporsi i cataloghi ben illustrati, costituivano, con i cartelloni l’arma pubblicitaria preferita, ma sono probabilmente le vetrine di Natale ad aver creato il mito  dei regali di Natale.

Al giorno d'oggi i regali arrivano anche sotto altre forme, come Internet, che hanno cambiato  le regole senza scalfire la magia  dello scambio classico e il suo significato rituale.