Alimenti naturali

Alimenti naturali

Prodotti alimentari naturali e biologici

Un eccesso di calorie produce radicali liberi con conseguente stress ossidativo: in questo caso intervengono i geni dell’invecchiamento come p66 che bloccano i sistemi di autoriparazione e portano all’apoptosi, cioè alla morte programmata della cellula. In alcuni cibi però sono presenti molecole in grado di influenzare i geni dell’invecchiamento ed attivare i geni della longevità. Sono sostanze definite “mima-digiuno” cioè molecole che mimano il digiuno e ingannano il nostro corpo inducendolo a credere che non si stia mangiando troppo. Il corpo risponde attivando dei geni in grado di aumentare la sopravvivenza delle cellule, e inibendo quelli dell’invecchiamento che portano ad iperproduzione energetica, al ricambio cellulare e all’accumulo di grasso (Pelicci e Titta: La dieta Smart Food, Ed. Rizzoli, 2016).
Gli agenti antiossidanti riportano l’equilibrio chimico nei radicali liberi, grazie alla possibilità di fornire loro gli elettroni di cui sono privi. L’organismo umano si difende naturalmente dai radicali liberi, producendo degli antiossidanti endogeni. Superata una certa soglia di radicali liberi, è necessario un apporto esterno di antiossidanti che può essere assunto attraverso l’alimentazione. Per garantire un sufficiente apporto giornaliero di antiossidanti, gli esperti consigliano un’alimentazione equilibrata e sana.
E’ sempre più attuale la teoria secondo cui mangiare cibi sani e di qualità, che apportano all’organismo molecole antiossidanti, può contrastare lo stress ossidativo.

L'alimentazione equilibrata ha la finalità di garantire un apporto adeguato di energia e di nutrienti, prevenendo sia carenze che eccessi nutrizionali (entrambi dannosi).

Prodotti alimentari naturali e biologici, di origine italiana garantita e produzione limitata, vegano, vegetariano.

 

Per alimentazione bilanciata o equilibrata si intende un modo di alimentarsi corretto sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo.

L'invito a ridurre l'apporto di grassi e di zuccheri  derivava dall'osservazione che nei Paesi occidentali il consumo abbondante di lipidi si accompagnava ad un'alta incidenza di malattie cardiovascolari.

Successivamente numerose evidenze scientifiche dimostrarono che questa correlazione è valida soltanto se si consuma un eccesso di grassi saturi. Al contrario, gli acidi grassi polinsaturi omega-3 riducono i livelli dei trigliceridi nel sangue e come tali sono dotati di un'azione benefice . Inoltre, gli acidi grassi monoinsaturi (come l'acido oleico presente soprattutto nell'olio d’oliva)  abbassano i livelli di colesterolo.

Bisogna inoltre tener presente che non tutti i carboidrati  fanno bene. Per esempio, i cereali raffinati provocano aumenti della glicemia rispetto a quelli integrali. Inoltre, il processo di raffinazione impoverisce  carico di fibre, vitamine e sali minerali che è il prezioso contenuto nei cibi integrali.

Cereali, legumi, ortaggi e frutta vanno consumati più volte al giorno. é meglio evitare di aggiungere oli e grassi, per dare sapore agli alimenti è meglio usare  aromi e spezie. Lo stesso vale  per pane e pasta, riso e altri cereali, da consumare  nella loro versione integrale, è preferibile  consumare prodotti ottenuti da farine integrali al posto di quelli preparati con crusca o altre fibre.

Una sana alimentazione mediterranea è giudicata universalmente come eccellente, di essa fanno parte di diritto gli alimenti naturali e fra questi il vino, che consumato in modica quantità costituisce uno dei pilastri di una corretta e sana alimentazione mediterranea.